• +39 347.0049275
  • info@ilchisolino.it

News

VINOVO: “Riapertura – Leonardo, una mostra impossibile”

Riapre al pubblico “Leonardo, una mostra impossibile”.

Ingresso gratuito

Da sabato 30-05-2020 a domenica 28-06-2020
Orari:

sabato dalle 15.00 alle 19.30, domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15.00 alle 19.30

Apertura straordinaria:

martedì 02-06-2020 dalle 10 alle 13 e dalle 15.00 alle 19.30

La visita sarà consentita solamente alle persone prenotate per un numero massimo di 15 visitatori all’ora.
I visitatori dovranno obbligatoriamente indossare la mascherina per tutto il percorso mostra e seguire scrupolosamente le indicazioni esposte all’ingresso.

Per prenotazioni contattare il 338.2313951 dalle 12.00 alle 14.00 e dalle 18.00 alle 20.00.

VINOVO: “Via alle iscrizioni per i Centri Estivi”

Aperte le iscrizioni ai Centri Estivi organizzati dalle associazioni e società sportive del territorio vinovese con il contributo economico e la collaborazione del Comune di Vinovo.

“I centri estivi rispetteranno rigorosamente le linee guida del Dipartimento per le politiche della famiglia e ogni altra direttiva che verrà emanata” le parole dal Municipio.

Per le iscrizioni potete rivolgervi a seguenti recapiti:

POLISPORTIVA JOLLY
polisportivajolly@gmail.com 011.9651638 – 333.3435644

CHISOLA CALCIO
amministrazione@chisolacalcio.it 011.9653890 – 331.3576081 – 391.7759566 dal 03-06-2020 dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 17 alle 20

ON SPORT CENTER
vinovo@onsportcenter.it  011.9620804 a partire dal 03-06-2020

POLISPORTIVA GARINO

polisportivagarino@gmail.com 3355473390 – 011.0863293 dalle ore 18 alle 20 

CASTAGNOLE: “Riaperta la Biblioteca”

La Biblioteca comunale di largo Trento 3 ha ripreso il servizio di prestito libri esclusivamente il mercoledì dalle ore 14.00 alle 17.00.

Si informano i lettori che l’accesso all’interno del locale sarà consentito esclusivamente ad una persona che dovrà esser munita di mascherina.

La consultazione in sede sarà possibile solo attraverso la mediazione del bibliotecario che effettuerà le ricerche per l’utente che le richiede.

E’ consigliata la prenotazione di libri, cd e dvd privilegiando la consultazione del catalogo attraverso l’accesso Erasmonet riservata ai lettori attraverso il seguente link:

https://sbam.erasmo.it/Opac/LetLogin.aspx…

o in alternativa attraverso la prenotazione telefonica o via mail ai seguenti contatti:

011.9862811 – Ufficio Ragioneria
Mail: ragioneria@comune.castagnolepiemonte.to.it
biblioteca@comune.castagnolepiemonte.to.it

La restituzione del materiale preso in prestito dovrà avvenire esclusivamente nel box collocato all’esterno dell’edificio.

Il prestito interbibliotecario è temporaneamente sospeso.

CASTAGNOLE: “Mascherine per i bambini della Scuola Primaria”

Sono state consegnate da parte dell’Amministrazione comunale le mascherine lavabili a tutti i bambini frequentanti la Scuola Primaria locale facente parte dell’Istituto Comprensivo di Candiolo.

“Cucite a mano della castagnolese Marisa Garis che ha donato così qualcosa di prezioso ed importante per la salvaguardia della vostra salute, un oggetto che diventerà un accessorio fondamentale, da non dimenticare mai e da usare soprattutto in compagnia di altri bambini, ricordando di stare alle ormai consuete distanze l’uno dall’altro” le parole provenienti dal Municipio.

Due lettere hanno accompagnato il dono: una porta la firma dell’Amministrazione comunale, ed una quella delle Maestre della Scuola Primaria di Castagnole Piemonte insieme al Dirigente Scolastico Luca Gambellini.

VINOVO: “In Biblioteca, nuove regole di accesso”

A partire dal 25 maggio 2020 la Biblioteca Civica apre le porte ai propri servizi. Per il prestito basterà prenotare i libri tramite telefono, mail, pc o App BiblioSBAM, fissare un appuntamento per il ritiro per poi trovare le prenotazioni pronte ed imbustate.

VINOVO: “L’Ippodromo torna a correre con i suoi cavalli”

Dopo più di 70 giorni di stop il mondo delle corse dei cavalli è pronto a ripartire, con il via dell’Ippodromo di Vinovo in programma domenica 31 maggio, seguirà poi mercoledì 3 giugno

Tutto questo dopo che la scorsa settimana il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali di concerto con il Ministero della Salute ha prima inviato alle società di corse le linee guida per la ripartenza, tassativamente a porte chiuse, dell’attività ippica, dopodiché sempre il MIPAAF ha prodotti i documenti necessari alla ripartenza e venerdì scorso ha diramato il calendario delle corse per i mesi di maggio, giugno e luglio con relativo calendario dei Grandi Premi di trotto e galoppo per tutto l’anno 

Calendari scaricabili dal sito www.politicheagricole.it

In questi giorni gli ippodromi dovranno redigere il proprio protocollo operativo per l’attività a porte chiuse in base di quanto scritto sulle linee guida ministeriali, informare e condividere lo stesso protocollo con le competenti autorità sanitarie locali. Ma soprattutto si dovranno adeguare a quanto richiesto per essere pronti a correre.

La programmazione successiva per giugno vedrà i cavalli sulla pista torinese ancora mercoledì 10, poi domenica 14, domenica 21, mercoledì 24 e domenica 28 giugno quando sarà programmato il Gran Premio Avv. Carlo Marangoni in un calendario nazionale per le corse più importanti che ha subito una serie di stravolgimenti causa Coronavirus.

All’ippodromo di Vinovo, come in tutti gli altri ippodromi d’Italia, le corse saranno a porte chiuse, e non si sa ancora fino a quando questa condizione sarà attiva. Si potrebbe tornare a rivedere il pubblico sulle tribune non prima del 15 di giugno, quando andranno a regime anche gli intrattenimenti vari all’aperto e potrebbero riaprire le sale scommesse.

Nel mese di luglio ci saranno 5 giornate di corse, al mercoledì, con le corse che dovrebbero tornare con la programmazione in notturna già da qualche settimana prima. Per domenica 9 agosto è invece previsto il Gran Premio Città di Torino, in una collocazione quanto mai anomala. Per il Costa Azzurra si parla della terza settimana di settembre.

TE LO DICO IN POESIA: “Il gabbiano”

Dal 18 maggio è venuto il tempo di spiccare il volo di nuovo, ognuno aprendo le proprie ali e seguendo la propria rotta. Qualcuno nel frattempo ha spiccato l’ultimo volo, quello che non terminerà più. Dedico questa poesia in particolare al popolo italiano, che sappia di nuovo lasciare il suo nido, in questi mesi vissuto come rifugio e protezione per ritornarci cresciuto e più forte di prima e grato per la protezione che offre. Siamo nati per rinascere, ogni volta in modo nuovo. Buon inizio a tutti.

Ti guardo dall’alto del mio mondo,
appollaiato su questo lampione,
oh uomo della terra,
che ti meravigli e mi guardi estasiato
quando volo nello sconfinato cielo azzurro …
Qui mi riposo e chiudo le ali per un momento
e tu sei sorpreso, ti fermi e aspetti,
osservi il mio sguardo regale, immobile, assente …
Non ti sembra vero
che un minuto prima e uno dopo
io possa farti sognare mondi sconfinati,
formando lassù cerchi colorati con le ali,
il mio garrito evoca nel tuo animo
il senso di libertà che provo …
La mia posa è sorpresa per te
e mi rispetti nell’osservarmi,
tendi la mano verso me,
vorresti toccarmi, ma non lo fai,
per non interrompere la magia del silenzio,
pacato è il momento …
Che penserò mai di te,
oh uomo della terra,
che da sempre provi ad imitarmi per provare l’ebrezza del volo
e sperimentare l’immensità del cielo,
del mio cielo … Tu sei prigioniero della gravità
e non sai cos’è la leggerezza,
il lasciarsi trasportare dal vento,
con le ali spiegate e giocare coi fratelli,
posandosi sul filo d’acqua del mare,
puoi solo immaginare, desiderare, sognare …
Continua a pensarmi così,
un dio del cielo,
che eternamente protegge e prepara te, uomo,
a vivere quel giorno, quell’unico giorno
in cui riuscirai a spiccare il tuo solo,
vero, immenso volo infinito …

Tiziana Calamera Luglio 2017

C’è un linguaggio con cui spiegare gli eventi e il mondo che ci circonda in modo empatico e riflessivo: la poesia, che interpreta in profondità il nostro legame interiore con esso e muove le corde emotive alla ricerca di intuizioni concrete che ci fanno evolvere. Sarà un viaggio alla scoperta del proprio essere, che vi invito a fare con me.

A cura di Tiziana Calamera

Poetessa

“Il Chisolino correrà sulle quattro ruote insieme allo Tsunami Racing Team”

Il Chisolino ha deciso di indossare una nuova veste supportando le velocissime quattro ruote dello Tsunami Racing Team: un gruppo di piloti, ma prima di tutto una famiglia, che corre su GT Sport simulatore di guida della PS4.

Nato grazie alla volontà di Thomas, Marika ed Angelo circa un anno fa con piloti provenienti da tutta Italia, dal Piemonte al Veneto, dalla Lombardia al Lazio come anche dalle due isole della Sicilia e della Sardegna.


Come per gran parte delle passioni, tutto è originato per gioco, puro divertimento e per passare del tempo in buona compagnia, ora regole principali alla base del gruppo.


Nel corso di questa stagione il Team ha svolto e portato a termine due campionati interni nelle categorie GR3 e GR4. In questo contesto molti piloti hanno dimostrato e confermato le proprie capacità di guida, altri invece hanno avuto la possibilità di crescere e migliorarsi con il supporto del costante allenamento avvenuto insieme ai compagni veterani.


In questo periodo è cresciuta la consapevolezza della possibilità di fare qualcosa di più grande: svolgere un campionato sfidando altri Team del mondo GT Sport con l’inserimento delle live su YouTube con telecronaca durante lo svolgimento della gare. Tutto è ancora in fase di progettazione ma l’idea è quella di svolgere tre campionati in contemporanea nelle categorie GR2 GR3 e GR4.

In tutto questo appassionarsi di auto sportive, velocità, giochi online e tanto, tanto divertimento, il Chisolino ha deciso di seguire il gruppo per promuovere un progetto che vede sempre più appassionati avvicinarsi alle competizioni sportive virtuali.

Per maggiori dettagli:

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/TsunamiRTgtsport/

Profilo Instagram: tsunamirt

Canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCUNeNFOF_-lrZyLPt74J3UA

NONE: “Riders uniti a sostegno del commercio locale”

La solidarietà nonese non si ferma, un nuovo gruppo “Freedom Riders N.one” si aggiunge alle numerose associazioni, attività commerciali e semplici cittadini che in questo contesto di emergenza sanitaria hanno donato aiuti sotto forma di tempo e denaro. Il gruppo, formato da amici con la passione comune per le due ruote ed una forte sensibilità verso il proprio territorio, nasce per sostenere l’iniziativa a sostegno del commercio locale “Un pieno per la solidarietà”: raccolta fondi attraverso donazioni simboliche equivalenti alla cifra di un pieno di benzina di una moto.

“In questi giorni di blocco forzato in garage delle nostro moto, abbiamo risparmiato del carburante, l’equivalente in denaro vorremmo metterlo a disposizione per il tessuto commerciale nonese, con il fondo che sarà destinato al privo evento, festa o iniziativa che sosterrà le attività del nostro paese” le parole del gruppo di amici accomunato insieme agli altri sostenitori da quello spirito di appartenenza ad un’idea che si espande al piacere di appartenere ad una comunità. Non essendo un’associazione il gruppo ha chiesto ed ottenuto l’appoggio della Pro Loco None mettendo a disposizione i propri mezzi di comunicazione e conto corrente bancario per la destinazione del devoluto.

Sarà possibile lasciare le proprie libere donazioni nei seguenti punti vendita: Enzo Papalia del Mercatino frutta e verdura di via Roma 28b, Carlo Spina della pasticceria Spina di via Roma 22 e Marco Patella del Caffè Cavour in piazza Cavour 10. Oppure tramite bonifico all’iban IT34S0838230670000180100725, intestato alla Pro Loco None con causale “Un pieno di solidarietà”. “Aiutateci ad aiutare perché #uniti si vince, un commercio vivo rende vivo il paese , aiutiamolo a vivere… non sopravvivere” conclude la voce corale del gruppo.

Foto di Claudio Bonifazio.

PINEROLESE WILD: “Il Gruccione”

Foto scattate in località: sponde del torrente Chisola al confine tra i Comuni di None e Volvera.

Il nostro territorio ricco di campagne, corsi d’acqua, boschetti e cespugli ci offre la possibilità di osservare parecchie specie animali in un ambiente molto Wild, libero ed a pochi passi da casa, una sorta di Km0.

Oltre alle solite specie osservabili tutto l’anno come germani, cormorani, aironi, poiane, in questo periodo le migrazioni ci permettono l’osservazione anche di altre specie, in questo caso parliamo del Gruccione (Merops apiaster, ordine dei coraciiformes, famiglia dei meropidae).

Il Gruccione può raggiungere una lunghezza di 25 – 29 cm, considerando anche le penne della coda, particolarmente allungata, mentre l’apertura alare può raggiungere i 40 cm ed il peso di 50/70 gr. Il fondo della livrea appare castano, sul dorso, ed azzurro nel ventre, ma offre anche sfumature di giallo, verde, nero, ed arancione. Il becco è nerastro, lungo e leggermente ricurvo verso il basso. Le zampe sono marrone – grigiastro. I sessi sono fra loro molto simili e difficilmente distinguibili.

Diffuso prevalentemente nel bacino del Mediterraneo, il Gruccione è nidificante alle nostre latitudini, mentre lo svernamento avviene, dopo un lungo viaggio nell’Africa posta a sud del Sahara. Predilige ambienti aperti con vegetazione spontanea e cespugliosa con alberi sparsi e tralicci, presso corsi fluviali, boschi con radure. Durante le migrazioni è frequente anche in zone umide e litorali. In Italia le colonie di nidificazione sono concentrate quasi esclusivamente in pianura e collina. La specie giunge nel nostro paese tra la fine di aprile e l’inizio di maggio, per ripartire ad agosto inoltrato.

Si nutre prevalentemente di insetti catturati in aria con sortite da un posatoio. Quando si tratta di insetti dotati di pungiglione, come le api, di cui è ghiotto, questi vengono ripetutamente colpiti su una superficie dura, con l’ausilio del becco.

Nidifica prevalentemente presso scarpate lungo fiumi, in cave di sabbia, attive o abbandonate, in ambienti agricoli con boschetti sparsi, in vaste radure, in arbusteti con paretine sabbiose, vigneti, dune sabbiose, pascoli, steppe. Tipicamente, il nido è costituito da un profondo cunicolo, anche fino a 3 – 5 mt, ove la femmina depone 5 – 8 uova di forma sferica. Entrambi i sessi si occupano della cova, che dura circa 20 giorni.

Di solito la specie effettua non più di una covata l’anno: se una coppia trova un luogo favorevole alla costruzione del nido, ne sopraggiungono altre fino a formare vere e proprie colonie.

Verso

Una rubrica che grazie alle sue immagini e nozioni porterà i lettore alla scoperta della flora e della fauna del nostro territorio. Un viaggio che vi farà immergere nella natura della pianura, collina e montagna tra fiumi, sorgenti, piante, fiori ed animali che caratterizzano da secoli le nostre terre.

A cura di Claudio Bonifazio

“Intervista a Fabio Banchio: Uno speciale dedicato alla musica in quarantena, progetti, curiosità e molto altro sull’artista.”

Una speciale intervista del curatore della rubrica “Scrivere Canzoni” Beppe Varrone a Fabio Banchio, musicista, arrangiatore, autore di libri e Direttore della Filarmonica Candiolese “A. Vivaldi”. In questo contesto di emergenza sanitaria la sua musica non si è fermata, come la sua carriera e la sua professionalità elogiata in molti eventi di livello mondiale. Laureatosi in Storia della Musica Moderna e Contemporanea alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’ Università di Torino, si è in seguito diplomato presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino in Pianoforte, Composizione e Strumentazione per Orchestra di Fiati. La sua tesi di laurea, dal titolo L’eredità pianistica di Niccolò Paganini, è entrata a far parte della prestigiosa Indiana University Libraries. Ha tenuto recital in Italia ed all’estero, in modo particolare Francia, Svezia ed Argentina, accompagnando artisti di fama internazionale tra cui Fabrizio Bosso, considerato da pubblico e critica uno dei più grandi trombettisti italiani al mondo, e Simona Rodano, già protagonista del tour mondiale del musical Pinocchio, oggi ambasciatrice della lingua e della cultura italiana a New York. È autore della raccolta pianistica Il bianco e il nero e del volume bilingue (oggi giunto alla seconda edizione) I Grandi Maestri Piemontesi della Fisarmonica, presentato nel 2013 a Palazzo Lascaris, sede del Consiglio Regionale del Piemonte. Nel gennaio del 2015, ha diretto in mondovisione dal Teatro Regio di Torino gli inni che hanno ufficialmente aperto i solenni festeggiamenti per il bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco.  Nel maggio del 2019, in occasione del concerto inaugurale dell’Euroschool Festival, con il Coro Piccoli Cantori padre Médaille dell’Istituto Maria Immacolata di Pinerolo si è esibito in mondovisione presso la Basilica Superiore Papale di San Francesco in Assisi. È vice presidente e responsabile del Settore Arte e Cultura dell’Associazione Piemontesi nel Mondo. È docente dei corsi dell’Arte Performer Metodo P.A.S.S. riconosciuti dal Coni e dai conservatori italiani.

Come ti sei organizzato per affrontare questo periodo di chiusura forzata?

Avere a disposizione uno studio musicale digitale ed un’ampia biblioteca mi hanno certamente agevolato. Se a questo aggiungiamo che vivo in una casa di campagna dove è possibile fare musica a qualsiasi ora…, posso certamente ritenermi molto fortunato.

Come hai vissuto il tuo rapporto con la musica?

L’ho vissuto, ovviamente, in modo diverso dal passato ma, comunque, ottimistico. In un momento di tangibile, oggettiva, difficoltà, l’arte rappresenta un insostituibile ancora di salvezza. Come diceva Dostoevskij, “La bellezza salverà il mondo”.

Sei riuscito a seguire i tuoi allievi a distanza?

Per quanto non sia assolutamente paragonabile ad una lezione di tipo tradizionale, l’uso della tecnologia mi ha permesso di mantenere vivo il rapporto con gli allievi, fattore determinante soprattutto per i più piccoli che, oggi più che mai, avvertono la necessità di mantenere vive le relazioni. La cosa più spiacevole è stata quella di comunicare ai bambini del Coro Piccoli Cantori padre Médaille che non saremmo potuti andare a Verona per il nostro concerto di maggio.

C’è un progetto sul quale ti sei dedicato maggiormente?

Con il Maestro Vittorio Sebeglia, giovane e talentuoso violinista dell’Orchestra Accademia Teatro alla Scala, registrerò prossimamente (a porte chiuse…) un concerto che sarà trasmesso in rete. Ho avviato, inoltre, una proficua collaborazione con il Maestro Claudio Fenoglio – Maestro del Coro di Voci Bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino – finalizzata alla realizzazione di nuovi supporti didattici per i cori di voci bianche e gli allievi di canto.

I tuoi primi appuntamenti in vista di una riapertura?

Mi auguro che in autunno possano andare in produzione due spettacoli teatrali dedicati a Mia Martini e Lucio Battisti, quest ultimo insieme ai componenti del Progetto Battisti. Qualora Torino ospiti a settembre il Salone Internazionale del Libro, auspico di poter fare con il Maestro Luca Zanetti alcune presentazioni-concerto del mio libro dedicato ai grandi maestri piemontesi della fisarmonica. Spero, infine, nel mese di novembre, di tenere con la Filarmonica Candiolese A. Vivaldi il tradizionale concerto benefico a favore dell’IRCC di Candiolo.

L’episodio legato alla musica che ti è rimasto impresso durante la quarantena?

Ho particolarmente apprezzato, per lo spirito dell’iniziativa e la qualità dell’interpretazione, l’esecuzione che la violinista Lena Yokoyama ha dedicato al personale sanitario dell’Ospedale Maggiore di Cremona ed ai volontari di Samaritan’s Purse.

VIGONE: “Primo concorso letterario dedicato allo scrittore Alejandro Jodorowsky”

Il gruppo LIBeRI con il patrocinio della Città di Vigone lancia la prima edizione del concorso letterario nazionale “Premio Alejandro Jodorowsky”. L’iniziativa nata dalla volontà della scrittrice vigonese Cristina Viotto vuole omaggiare l’artista cileno.

Il concorso si divide in due grandi sezioni: la poesia e la narrativa breve. Due anche le fasce d’età: Junior (fino ai 16 anni) e Senior (dai 17 anni). Le opere dovranno essere inviate entro il 31 dicembre 2020 ed esaminate in seguito da una giuria di esperti. Premi per i primi sei classificati di ogni categoria oltre ad un premio speciale ad un unico partecipante destinato al lavoro che meglio si avvicinerà al modello di scrittura dell’autore al quale è dedicato il concorso: originalità, poliedricità e capacità di uscire dalle righe.

Per informazioni: concorsoletterariovigone@gmail.com.

Di seguito regolamento e scheda d’iscrizione:

TE LO DICO IN POESIA: “4 maggio 2020…Il risveglio”

Ore 7,30. Puntuale come un orologio scatta la mia FASE 2. Metto le scarpette, la giacchina sportiva e prendo tutti i documenti che mi consentono di muovermi, da oggi servono più che mai. Destinazione parco Colonnetti, al di là del ponte sul Sangone, ad un km da casa mia.

Sento una strana trepidazione, dopo una notte di sogni premonitori. Tra cui uno in particolare. Un cane cucciolo mi veniva incontro scodinzolando e abbaiando festoso chiamandomi a correre con lui. E’ un richiamo al risveglio della vita, e lo colgo appieno.

Mentre scendo tocco la mia mascherina come se fosse la mia seconda pelle e mi butto nel traffico che comincia ad essere di nuovo sostenuto. Ho paura di non farcela a tornare a piedi dopo due mesi di immobilità da poltrona e divano… prendo la macchina.

Il parco è lì, imponente. Le sue erbe incolte si muovono come onde del mare, accarezzate dal venticello e il mio respiro si apre, i polmoni si allargano.

Appena inforco la stradina una miriade di pensieri si intrecciano nella mia mente, gli occhi osservano in modo profondo ogni particolare. Quanto mi sei mancata natura viva. Continuo a camminare per il vialetto sotto il salice piangente e ad un tratto spunta un leprotto, poi un altro più in là e il cinguettare degli uccelli è più forte che mai. Mi fermo e con un po’ di timore penso a come non diventare l’elemento di disturbo. Gli animali e il bosco in questi mesi sono stati di nuovo soli, come non succedeva più da tempo, riprendendosi gli spazi e il silenzio.

Mi muovo piano e penso come l’uomo dovrebbe approfittare dell’occasione per reinserirsi delicatamente tra loro, senza spaventarli e senza irrompere nel parco come se fosse un diritto sacrosanto appartenergli. Bisogna guadagnarsela questa identità, sentendosi solo una piccola parte rispettosa di una comunità ben più ampia.

Riparto a camminare in punta di piedi e questo pensiero mi fa scaldare il cuore, sentendomi per un attimo come Biancaneve che cantava seduta nel prato attorniata da leprotti, cerbiatti e uccellini festosi tra le sue mani.

Scatto qualche foto agli alberi che dimostrano tutta la loro bellezza, anche se il sole oggi non c’è, e quando sento i passi dietro di me, mi sposto cercando di mantenere quella distanza sociale che mi permette di rivedere tutto questo e di portarmelo a casa, negli occhi, nelle membra e nella mente.

Finisco il mio giro e torno alla macchina, non trascurando alcuni momenti di allungamento per le gambe e le braccia che rivedo finalmente rosse, ossigenate dalla circolazione che riprende i suoi spazi, proprio come la natura intorno.

Rientro a casa, i miei cani mi accolgono festosi e felice sorseggio il mio caffè.

Oggi 7,30 puntuale come un orologio, è scattata prudente la mia FASE 2. Che profuma, come non mai, di libertà.

PIOBESI: “Scrittori di classe, al via la 6° edizione”

Anche per quest’anno è stato confermato il concorso letterario dedicato ai ragazzi delle classi terze della Scuola Secondaria di Primo Grado dei Comuni di Piobesi e Candiolo.

L’evento si svolgerà giovedì 7 maggio 2020, durante l’orario scolastico, in collegamento diretto con gli insegnanti

Trovi tutti i dettagli dell’iniziativa su:

http://www.comune.piobesi.to.it/Home/Pagine-del-Comune?ID=7711&fbclid=IwAR3t1oJbWZdjq-e69KI9rwAB-CR6i_7X9oawXI-OBr-iYbRHvzrnzdM9irA

COMING SOON: “Intervista a Fabio Banchio, la sua musica in quarantena, progetti, curiosità e molto altro.”

Il Chisolino Online è fiero di annunciare con piacere un’intervista di prossima uscita insieme a Fabio Banchio, musicista, arrangiatore, autore di libri e Direttore della Filarmonica Candiolese “A. Vivaldi”.

In questo contesto di emergenza sanitaria la sua musica non si è fermata, come la sua carriera e la sua professionalità elogiata in molti eventi di livello mondiale.

I suoi studi, la docenza, ricordi e progetti per un futuro ricco di musica saranno solo alcuni degli aspetti toccati dall’intervista condotta da Beppe Varrone nella sua rubrica “Scrivere canzoni”.

Continuate a seguirci.

CASTAGNOLE: “Dalle finestre fantasie e immagini si trasformano in disegni”

La farmacia castagnolese degli Angeli della Dr.ssa Silvia Boggiato di piazza Vittorio Veneto 4 lancia un contest gratuito dedicato al disegno. Guardando fuori dalle proprie finestre si dovranno trasformare in disegni, immagini e pensieri legati ad un mondo che si desidererebbe trovare al di fuori delle proprie mura.

Regolamento:

  • Disegna cosa vedi con la fantasia dalla tua finestra
  • Invia il tuo disegno tramite WA al 011.9862673
  • Scadenza domenica 3 maggio 2020

Il disegno migliore sarà premiato con un kit da disegno di matite colorate, matite da disegno e libri da colorare, inoltre verrà pubblicato sul giornale locale “Castagnole Notizie”.

VINOVO: “Il mini IndovinaLibro, chi scoprirà il titolo del nuovo libro”

Un altro appuntamento dell’IndovinaLibro lanciato dalla Biblioteca Civica di Vinovo, questa volta dedicato ai bambini, ma prima la soluzione al quesito della scorsa settimana:

“La chiocciolina e la balena” del duo Julia Donaldson e Axel Scheffler, complimenti a chi ha indovinato!

Da quale libro è uscito questo grosso lupo cattivo molto sbruffone?

CASTAGNOLE: “Lendris e Sofia, Re e Regina nel costest Crea la tua corona riciclosa”

I castagnolesi Lendris di 5 anni e Sofia di 4 anni si aggiudicano il contest “Crea la tua corona riciclosa”, in cui i partecipanti con il recupero della carte delle uova di Pasqua hanno dato sfogo alla propria fantasia creando Corone degne di Re e Regine.

Lendris con 1102 like e Sofia con 258 like, hanno ricevuto il maggior numero di apprezzamenti dal pubblico, per questo in una futura data ancora da destinarsi verranno incoronati direttamente dal Sindaco del Comune di Castagnole Piemonte.

L’iniziativa del Chisolino il collaborazione con il Comune di Castagnole Piemonte, ha portato un gran da fare tra le famiglie alle prese con cartoncini, forbici, colla e tanta fantasia.

Tutti i capolavori dei bambini sono visibili all’interno dell’album fotografico:

https://www.facebook.com/pg/ilchisolino/photos/?tab=album&album_id=3044520738940505

“Federico vince il contest Arruolati nell’esercito dei supereroi”

Federico di 8 anni è il vincitore del contest lanciato da Il Chisolino “Arruolati nell’esercito dei supereroi” insieme all’hashtag #ANCHIOCOMBATTODACASA. La sua foto ha ricevuto più like di tutti, proprio per questo a Federico verrà riconosciuta una medaglia al valore.

Si ringraziano tutti i partecipanti e le rispettive famiglie per essersi messi in gioco in questo contest.

Tutti i capolavori dei bambini sono visibili all’interno dell’album fotografico:

https://www.facebook.com/pg/ilchisolino/photos/?tab=album&album_id=3011473048911941

TE LO DICO IN POESIA: “La libertà della partigiana – Carla Capponi “

La libertà è un soffio di vento eterno

Invade il corpo con tenace entusiasmo

Lo fa muovere e correre costantemente

Alla ricerca sfrenata della dimensione umana

La libertà spezza le catene del pensiero irrigidito

È un esercito nascosto tra i rovi

Pronto ad uscire con le braccia alzate verso il cielo

A cantar vittoria per la ritirata degli aggressori

La libertà è l’unione di donne e uomini

Astuzia e sguardo attento li guida

Verso spazi sconfinati che riescono a controllare

Con la sola eco di un sibilo animale

La libertà è montagna e mare

È poter guardare i propri figli

Col sorriso gentile di una certezza

Del donare ad essi i loro confini

La libertà è un soffio di vento eterno

Che sfiora i capelli morbidi tagliati

Delle donne soldato armate di fiori di campo

Che han piantato nelle verdi valli

Sotterrando i proiettili per sempre

Tiziana Calamera 21 Febbraio 2019

Dedicata a Carla Capponi e tutte le donne partigiane per il loro impegno e coraggio offerto per molti anni di Resistenza.

C’è un linguaggio con cui spiegare gli eventi e il mondo che ci circonda in modo empatico e riflessivo: la poesia, che interpreta in profondità il nostro legame interiore con esso e muove le corde emotive alla ricerca di intuizioni concrete che ci fanno evolvere. Sarà un viaggio alla scoperta del proprio essere, che vi invito a fare con me.

A cura di Tiziana Calamera

Poetessa

error

Condividi