• +39 347.0049275
  • ilchisolino@gmail.com

Mostre

CANDIOLO: “Il ritorno da artista per caso, mostra di pittura”

Domenica 24-04-2022 dalle ore 10.00 alle 16.00 presso Casa Arietti – San Vincenzo di via Simonis 7, mostra di pittura “Il ritorno da artista per caso” a cura di Benito Maglitto. Il ricavato delle opere cedute andrà in beneficenza alla Casa di Accoglienza la Madonnina di Candiolo. Ingresso libero.

Per prenotazioni: 011.9934807

CASTAGNOLE: “Inaugurazione mostra PrimaVerArte, tutti i nomi degli artisti”

Un successo per la mostra “PrimaVerArte” con più di 30 artisti e più di 80 opere in esposizione provenienti anche da fuori regione. Sarà inugurata venerdì 01-04-2022 ore 18.30 all’interno delle sale dell’Oratorio Mons. Pinardi di via San Giovanni Bosco 11. La mostra di pittura collettiva a partecipazione gratuita ha visto la collaborazione con l’associazione artistico culturale nonese POLY ART dell’artista Angela Policastro. Le opere resteranno in mostra fino al 10-04-2022, giorno in cui arte, sport, cultura e commercio si uniranno sotto il segno della 6° edizione della “Fiera di Primavera”.

Di seguito l’elenco degli artisti presenti con le proprie opere:

Flora Barin dal Comune di Scorzè (Venezia), Domenico Manna da Città di Torino, Francesco Italiano da Città di Torino, Donato De Ieso da Città di Torino, Marzia Ciliberto da Città di Rivoli (Torino), Claudio Cullino da Città di Rivoli (Torino), Anna Carello dal Comune di Volvera (Torino), Anna Raso da Città di Torino, Gualtiero Garbo dal Comune di None (Torino), Renzo Musso da Città di Torino, Vincenzo Del Duca da Città di Carmagnola (Torino), Antonio Rovera dal Comune di Volvera (Torino), Sara Di Marco dal Comune di Volvera (Torino), Claudio Bellanti da Comune di Genova – Genoa Municipality, Maurilio Pagnone dal Amministrazione Comunale Pancalieri (Torino), Carla Matta Città di Torino, Aldo Beltrami dal Comune di Castagnole Piemonte (Torino), Luca Squinzani dal Comune di Leini (Torino), Alessandra Camerlengo dal Comune di Castagnole Piemonte (Torino), Elisabetta Feltrin dal Comune Di Piossasco (Torino), Angelo Maiorana da Città di Pinerolo (Torino), Graziella Grigioni da Città di Rivoli (Torino), Patrizia Fogli da Città di Collegno (Torino), Dario Giovale dal Comune di Castagnole Piemonte (Torino), Giovanna Bacciu dal Comune di None (Torino), Enrico Prelato dal Comune di Vinovo (Torino), Franco Rosa dal Comune Di Avigliana (Torino), Lara Molinari dal Comune di None (Torino), Maria Nicoletta Ferrari dal Comune Di Piossasco (Torino), Valeria Tron Miradolo – San Secondo di Pinerolo (Torino), Gianfranco Ferrero da Amministrazione Comunale Pancalieri (Torino), Silvio Papale da Città di Pinerolo (Torino), Maria Luisa Ravinale da Città di Grugliasco (Torino) ed Angela Policastro dal Comune di None (Torino)

Orari visite:

– dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle 19

– sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19

Per informazioni e visite: 338.5808761 – polyart2021@libero.it

CASTAGNOLE: “L’occhio fotografico di Claudio Bonifazio in mostra”

Le opere del fotografo nonese Claudio Bonifazio in mostra all’interno del Municipio del Comune di Castagnole Piemonte, dello Studio Favero, ed in aggiunta rispetto ai precedenti allestimenti, anche all’interno degli spazi della sede della Croce Rossa Italiana Castagnole P.te e Centro Anziani.

Una passione, quella della fotografia, che nasce per l’artista fin da piccolo grazie al papà. Autodidatta, con la passione per la natura, cerca di rappresentare nelle immagini il suo modo di vedere il mondo. “In tutte le escursioni ho sempre il piacere di scoprire come poteva essere vivere in questi ambienti nel passato, seguendo le tracce degli antichi sentieri e borgate, osservando antichi muretti tra i boschi di oggi, dove un tempo c’erano prati coltivati. Tutte le borgate sono legate da un filo sottile che collega e che un tempo faceva in modo che seppur distanti non fossero isolate, ne tantomeno sole” spiega il fotografo con le sue foto scattate per la maggior parte tra i luoghi della Val Chisone, Val Germanasca, Val Susa e Val Pellice, alcune ora esposte sul nostro territorio.

Molti di questi scatti sono racchiusi all’interno del libro “Volti e risvolti – Percorsi fotografici in Val Chisone” di Claudio Bonifazio con prefazione di Valeria Tron.

PIOBESI: “Conoscere la fotografia, mostra interna alla Biblioteca”

“Conoscere la fotografia” è la mostra allestita all’interno della Biblioteca di Piobesi Torinese. Un insieme di opere realizzate dai corsisti della Unitre Piobesi Torinese.

“Una rivelazione per qualche partecipante, un approfondimento per i più esperti. La passione per la fotografia della docente Fiorella Zaia, fotografa da moltissimi anni, figlia d’arte, ci ha travolti di nuove conoscenze, abbiamo potuto sperimentare l’uso della macchina fotografica ma anche il cellulare, che in quest’epoca è uno dei mezzi più usati per fotografare. In aula abbiamo scoperto le funzioni fondamentali: il diaframma, l’otturatore, l’esposimetro, le iso, l’inquadratura, i vari tipi di esposizione e come mettere tutto ciò in sintonia per un buon scatto. Ed abbiamo scoperto un segreto: la luce è l’ingrediente fondamentale per ottenere una buona fotografia” il commento dei corsisti.

TORINO: “Andy Warhol, il genio della Pop Art in mostra”

Dopo il grande successo tra le storiche mura dlle Palazzina di Caccia di Stupinigi, dal 20-11-2021 la mostra evento dedicata al genio della Pop Art: “Andy Warhol Super Pop – Through the Lens of Fred W. McDarrah” sarà esposta tra gli spazi di Palazzo Barolo a Torino. Next Exhibition in collaborazione con Ono Arte Contemporanea, Associazione Culturale Dreams e l’Archivio Fred W. McDarrah/ MUUS Collection propongono un viaggio estroso e colorato nella vita di uno degli artisti più influenti del XX secolo. Un’esposizione unica che raccoglie molte delle opere ufficiali tra fotografie, serigrafie, litografie, stampe, acetati, ricostruzioni fedeli degli ambienti e prodotti che amava e dai quali traeva ispirazione. 

“Non ho mai voluto essere un pittore. Volevo diventare un ballerino di tip-tap. Uso la parrucca così la gente guarda lei e non me, sono gay e cattolico, vado in chiesa ogni domenica” sono solo alcune delle sue estroverse dichiarazioni che grazie alla mostra acquisteranno maggior significato comprendendo meglio il suo mondo, la sua essenza di uomo e la sua opera, capace di influenzare l’arte ed il pensiero della società contemporanea. 

Dopo un primo tuffo nell’atmosfera degli anni ’50-60, il visitatore conosce la storia di Warhol, da grafico pubblicitario ad artista di successo, potendo ammirare le sue opere iconografiche, come Marylin Monroe, the Self Portrait, Cow e Campbell’s soup. A seguire acetati e le lastre serigrafiche da cui prendevano vita le sue stampe e l’esposizione della collezione di scatti del fotografo statunitense Fred W. McDarrah che ha immortalato l’artista per oltre trent’anni svelandone da una parte il lato più il lato più intimo ed umano e dall’altra mettendo in luce le sue molte e diverse pratiche artistiche. 

Warhol viene quindi ritratto all’apice della sua carriera circondato dalle scatole di Brillo durante l’inaugurazione di una sua mostra personale, o mentre gira una delle sue pellicole sperimentali, o ancora, molti anni più tardi, intento in una delle sue attività preferite: una telefonata. Una delle opere più iconiche di Warhol sono sicuramente le “Silver Clouds”, la cui replica sarà presente nel percorso espositivo. Non mancherà l’Andy comunicatore, istrionico in compagnia, nei migliori locali di tendenza d’America, oltre che assoluto padrone di casa de la Factory, creatore non solo di arte ma anche di personaggi: fu lui infatti a lanciare i Velvet Underground, o le sue tante “Superstar”, da Edie Sedgwick a Candy Darling. Tra attori, drag queen, personaggi mondani e liberi pensatori, alla corte di Warhol passano anche artisti come Lou Reed, Bob Dylan, Truman Capote e Mick Jagger. Ricreata anche l’atmosfera del suo studio ed esposta la copia esatta dello storico divano rosso de la Factory. 

Ogni visitatore potrà sentirsi una star degli anni Sessanta alla corte dell’artista del momento, scattandosi un selfie ricordo, anche perché come diceva Warhol: “Nel futuro ognuno sarà famoso per quindici minuti”. E il suo futuro è il nostro oggi. A chiudere il percorso gli scatti del fotografo Anton Perich ai visitatori classici della Factory e le testimonianze di Keith Haring a Basquiat, che hanno accolto il lascito del Maestro. 

Per informazioni e prenotazioni – www.warholsuperpop.it

NONE: “Mostra virtuale per l’Accademia Artemisia”

L’Accademia Artemisia lancia la sua prima mostra virtuale, un viaggio alla scoperta delle opere realizzate dai giovani partecipanti ai corsi di disegno e pittura. Un percorso interno ad una surreale galleria d’arte suddivisa in aree tematiche tra volti e ritratti, animali e paesaggi, manga, anime, e fantasia. Negli ultimi due anni il contesto pandemico non ha permesso la solita mostra in presenza di fine corsi tra le mura della Biblioteca civica nonese, di conseguenza per dare seguito a quel che è stato realizzato nell’ultima e discontinua stagione corsistica, l’accademia ha deciso di premiare il merito dei gruppi di None e Pinerolo optando per una gallery virtuale accessibile a tutti. Le artiste visuali Mariella D’Agostino e Monica Carrara hanno fondato questa scuola di disegno e pittura una decina di anni fa. La loro continua formazione in scienze – tecniche psicologiche ed arte terapeuta gli ha permesso di garantire ad oggi un’offerta più ampia di corsi rispetto ai primissimi anni. Il metodo di insegnamento utilizzato prende il nome di “Edwards”, un metodo finalizzato ad ampliare la capacità di vedere, in quanto saper disegnare bene dipende dal saper vedere nel modo in cui vede l’artista. Il progetto è nato dalla collaborazione con associazione “Arca di Nonè” ed “ACLI None” al fine di realizzare corsi per bambini da 0 a 3 anni insieme alla proprie mamme. Con il tempo e grazie alle preziose competenze interne messe a disposizione dei partecipanti si è proseguito con attività creative e culturali per bambini e ragazzi di età maggiore.

Inquadra il QR code nell’immagine di copertina ed inizia il viaggio virtuale.

VINOVO: “Sul filo della poesia, arte tutta al femminile”

Sarà inaugurata sabato 22-05-2021 ore 15.00 sotto l’Ala Comunale, la nuova installazione artistica del progetto “Sul filo della poesia” a cura di Floriana Porta, ideatrice e promotrice di “Vinovo in poesia”. Un’avventura la cui idea nasce circa quattro anni fa. All’evento saranno presenti l’Assessore alla Cultura Maria Grazia Midollini ed il Sindaco Gianfranco Guerrini.

Un importante progetto tutto al femminile promosso e patrocinato dal Comune di Vinovo, che coinvolge otto poetesse: Floriana Porta, Federica Bertolino, Cinzia Dascoli, Johanna Finocchiaro, Maria Ilde Nari, Maria Dornella Barillà, Immacolata Schiena e Tiziana Calamera.

“L’Ala Comunale ospiterà versi poetici, fili, spaghi e numerose farfalle di carta in volo: uno sguardo nuovo e ricercato sull’universo poetico. Un’opera artistica d’estrema eleganza e raffinatezza, pensata per promuovere la cultura, la creatività e la poesia contemporanea, un patrimonio quest’ultimo da scoprire e riscoprire” il commento dell’organizzazione.

Per tutta la giornata successiva di domenica 23-05-2021 le opere saranno “visibili in vetrina” e leggibili da tutti i passanti.

Un connubio di arte e poesia nel pieno rispetto delle regole anti-covid.

Per la prenotazioni obbligatorie a florianaporta@libero.it

ORARIO

22-05-2021 dalle ore 15.00 alle 18.30

STUPINIGI: “Frida Kahlo- Through the Lens of Nickolas Muray, la mostra spostata nel 2022”


La mostra “FRIDA KAHLO Through the Lens of Nickolas Muray” presso la Palazzina di Caccia di Stupinigi viene spostata a febbraio del 2022.
Si invita il pubblico che avesse già acquistato il biglietto per la mostra a contattare l’indirizzo e-mail voucher@nextexhibition.it entro e non oltre il 7 marzo 2021 per richiedere il rimborso in voucher da utilizzare per una delle mostre targate Next Exhibition.
Per ulteriori aggiornamenti: www.nextexhibition.it e www.fridatorino.it

STUPINIGI: “La mostra Andy Warhol Superpop prorogata fino al 25 aprile”

Prorogata fino al 25 aprile la mostra dedicata all’artista Andy Warhol genio della Pop Art: “Andy Warhol Super Pop – Through the Lens of Fred W. McDarrah”. Per la prima volta Next Exhibition e Ono Arte propongono un viaggio estroso e colorato nella vita di uno degli artisti più influenti del XX secolo. Un’esposizione unica che raccoglie oltre settanta opere ufficiali tra fotografie, serigrafie, litografie, stampe, acetati, ricostruzioni fedeli degli ambienti e prodotti che amava e dai quali traeva ispirazione. “Non ho mai voluto essere un pittore. Volevo diventare un ballerino di tip-tap. Uso la parrucca così la gente guarda lei e non me, sono gay e cattolico, vado in chiesa ogni domenica” sono solo alcune delle sue estroverse dichiarazioni che grazie alla mostra acquisteranno maggior significato comprendendo meglio il suo mondo, la sua essenza di uomo e la sua opera, capace di influenzare l’arte ed il pensiero della società contemporanea. Dopo un primo tuffo nell’atmosfera degli anni ’50-60, il visitatore conosce la storia di Warhol, da grafico pubblicitario ad artista di successo, potendo ammirare le sue opere iconografiche, come Marylin Monroe, the Self Portrait, Cow e Campbell’s soup. A seguire acetati e le lastre serigrafiche da cui prendevano vita le sue stampe e l’esposizione della collezione di scatti del fotografo statunitense Fred W. McDarrah che ha immortalato l’artista per oltre trent’anni svelandone da una parte il lato più il lato più intimo ed umano e dall’altra mettendo in luce le sue molte e diverse pratiche artistiche. Warhol viene quindi ritratto all’apice della sua carriera circondato dalle scatole di Brillo durante l’inaugurazione di una sua mostra personale, o mentre gira una delle sue pellicole sperimentali, o ancora, molti anni più tardi, intento in una delle sue attività preferite: una telefonata. Una delle opere più iconiche di Warhol sono sicuramente le “Silver Clouds”, la cui replica sarà presente nel percorso espositivo. Un’installazione composta da palloncini che fluttuano a mezz’aria e circondano il visitatore, creata per la prima volta nel 1966 alla Leo Castelli Gallery, dove McDarrah ha documentato il processo di allestimento. Non mancherà l’Andy comunicatore, istrionico in compagnia, nei migliori locali di tendenza d’America, oltre che assoluto padrone di casa de la Factory, creatore non solo di arte ma anche di personaggi: fu lui infatti a lanciare i Velvet Underground, o le sue tante “Superstar”, da Edie Sedgwick a Candy Darling. Tra attori, drag queen, personaggi mondani e liberi pensatori, alla corte di Warhol passano anche artisti come Lou Reed, Bob Dylan, Truman Capote e Mick Jagger. Ricreata anche l’atmosfera del suo studio ed esposta la copia esatta dello storico divano rosso de la Factory. Ogni visitatore potrà sentirsi una star degli anni Sessanta alla corte dell’artista del momento, scattandosi un selfie ricordo, anche perché come diceva Warhol: “Nel futuro ognuno sarà famoso per quindici minuti”. E il suo futuro è il nostro oggi. A chiudere il percorso gli scatti del fotografo Anton Perich ai visitatori classici della Factory e le testimonianze di Keith Haring a Basquiat, che hanno accolto il lascito del Maestro. 

La mostra è al momento aperta, come da indicazioni del nuovo DPCM, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17.30.

Per informazioni e prenotazioni 380.1028313 – www.warholsuperpop.it

VINOVO: “Saluti da Vinovo, riapre la mostra di cartoline d’epoca”

Riapre al pubblico la mostra di cartoline d’epoca “Saluti da Vinovo: dal ‘900 ad oggi”. La mostra sarà aperta il venerdì dal 05-02-2021 al 05-03-2021 con il seguente orario:

mattino dalle 10.00 – 12.00 ingresso libero con prenotazione obbligatoria

pomeriggio 15.00 – 18.30 visite guidate con prenotazione obbligatoria

Il contenuto di questa ricca ed inedita esposizione è rappresentato dalla raccolta di 220 cartoline postali originali, in gran parte viaggiate, provenienti da quattro collezioni private. Le oltre 200 immagini scorrono in questa mostra come un viaggio nel tempo tra i luoghi tramutati, alcuni immutati, altri scomparsi . Interessante l’intervento del vinovese Rino Visconti, appassionato fotografo, che ha messo a confronto, tra passato e presente, alcuni luoghi significativi. Il percorso espositivo sarà arricchito da oggetti d’epoca, documenti, ricostruzioni sceniche e dall’ufficio postale militare del primo conflitto mondiale gentilmente concesso in prestito da Poste Italiane.

NONE: “A Torino una mostra dedicata a Don Paolo Albera”

L’ordine dei salesiani ha dedicato il 2021 al nonese Don Paolo Albera, in occasione del centenario della sua morte. Per l’occasione è stata allestita presso il museo “Casa Don Bosco” una mostra a lui dedicata, dal titolo “Il Mondo negli Occhi”.

Per chi volesse saperne di più:

https://bit.ly/3a55pQx

https://youtu.be/dN-DslAb358

STUPINIGI: “Sospesa la mostra Andy Warhol Superpop”

In ottemperanza al nuovo DPCM diramato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’organizzazione comunica con dispiacere la chiusura momentanea, fino al 03-12-2020, di tutte le mostre prodotte da Net Exhibition, tra cui:

          ANDY WARHOL Superpop – TORINO Palazzina di Caccia di Stupinigi

I biglietti acquistati per le mostre dal giorno 05-11-2020 al giorno 03-12-2020 saranno regolarmente validi per visitarle nei giorni di apertura successivi all’attuale decreto, ossia dal 04-12-2020.

Per dettagli, modalità e costanti aggiornamenti, invitiamo il pubblico a visitare il sito www.nextexhibition.it.

STUPINIGI: “Frida torna a Torino”

Dopo lo stop forzato a causa del Covid19, la mostra “FRIDA KAHLO – Through the lens of Nickolas Muray” viene riprogrammata alla Palazzina di Caccia di Stupinigi, dal febbraio del 2021.

La mostra evento, il viaggio emozionale nella vita dell’icona mondiale Frida
Kahlo, il percorso per conoscere la donna, viverla e comprenderne l’essenza, fatta di forza, coraggio, talento e un immenso amore.
Gli organizzatori, Next Exhibition ed Ono Arte, annunciano che ci saranno
alcune importanti novità rispetto al precedente allestimento.
I biglietti saranno in vendita da settembre con il circuito Ticket One.
Tutte le informazioni sul sito www.fridatorino.it

VINOVO: "Leonardo, una mostra impossibile"

Dal 1 febbraio al 20 aprile 2020 all’interno del castello Della Rovere la mostra “impossibile” di Leonardo con le sue opere riproposte nell’era digitale.

Ingressi: il venerdì dalle ore 15.30 alle 19.00, sabato e domenica dalle ore 10.00 alle 19.00.

PINEROLO: “Laudato si’ – Mostra di immagini”

Domenica 1 dicembre 2019 nella Basilica di San Maurizio al termine della messa delle 17, verrà inaugurata la mostra “Laudato si'”. Un percorso sulle tematiche proposte da Papa Francesco nella sua lettera “sulla cura della casa comune”. “Abbiamo estrapolato alcune frasi particolarmente incisive” spiega il curatore Patrizio Righero “abbinandole ad altrettante immagini scattate per lo più nel pinerolese da fotografi locali”. Oltre a quelle del curatore, la mostra propone fotografie di Claudio Bonifazio, Daniele Castellino, Fiorenzo Rosa, Guido Rostagno, Laura Cirasole, Lorenzo Mottura, Marinella Zardi, Stefano Maina e Walter Molinero. “Non è in senso stretto una mostra fotografica” puntualizza Righero “ma una riflessione visiva”. L’allestimento, in linea col messaggio della Laudato si’, è stato progettato nel massimo rispetto dell’ambiente. Gli alberi che sostengono i pannelli, infatti, sono stati realizzati da Maximilian Eco-Art Design seguendo accuratamente la filiera del riciclo. La mostra targata Vita Diocesana è stata realizzata in collaborazione con Centro missionario Diocesano, CAV, Vestereciclo ed Arco.

VINOVO: “Mostra fotografica su Matera e provincia”

Fino al 20 di ottobre 2019 all’interno del Castello della Rovere mostra fotografica “Vinovo incontra Matera e provincia”

VINOVO: “L’Ala comunale si trasforma in una Pinacoteca”

Fino al 31 maggio sotto l’Ala comunale dalle ore 09.00 alle 12.00 e dalle ore 15.00 alle 19.00 in mostra i progetti attivati durante l’anno degli alunni dell’I.C. di Vinovo durante l’anno scolastico 2018-2019

VINOVO: “Japan Samurai Expo -Saburau”

Dal 5 al 12 maggio il Castello della Rovere di Vinovo ospiterà un’importante esposizione sulla cultura giapponese. Oltre 200 opere antiche e moderne: dipinti, manga, armi antiche. Durante i due weekend si terranno dimostrazioni di arti marziali, Sumi-e, e una conferenza sulla poesia haiku tenuta da Floriana Porta. A cura di Alex Allera, Roberto Frascella, e realizzata dalla A.S.D. Polisportiva Jolly Vinovo insieme ad altre associazioni e scuole di karate.Ingresso gratuito.

VINOVO: “Oro bianco, la ricerca della bellezza”

Dal 17 febbraio al 28 aprile all’interno del Castello della Rovere il Comune di Vinovo propone i mostra una ricca e composita esposizione di porcellane della Reale Manifattura di Vinovo. Saranno esposte per la prima volta, nel luogo in cui sono state create, oltre 200 opere di porcellana provenienti dalle raccolte di Palazzo Madama-Museo Civico d’Arte Antica, dal Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, dall’Archivio di Stato di Torino, dall’Archivio Storico Città di Torino e dalla Curia Vescovile di Torino – Parrocchia di Vinovo, tra queste molti inediti provenienti da collezioni private.

TORINO: “Il Chisolino all’opening mostra La Bottega di Leonardo”

Il genio universale per un’esposizione universale: la celebrazione dell’indiscusso interprete dell’arte e della creatività italiana, oggi considerato il più grande di tutti i tempi. Leonardo, uomo poliedrico e d’ingegno, protagonista assoluto del 2019, anniversario dei 500 anni dalla sua morte.

In occasione delle celebrazioni vinciane, Next Exhibition, con la collaborazione dell’Associazione Culturale Dreams, presenta la mostra “La bottega di Leonardo – Opere e disegni in mostra” all’interno della dimora storica di Palazzo Cavour.

L’esposizione rappresenta un’occasione unica per ammirare e comprendere, in una visione d’insieme, la straordinaria complessità della pittura di Da Vinci e del suo tempo. L’uomo e lo scienziato, l’anello di congiunzione tra il mondo dell’arte e della tecnica.

Nello specifico si intende ragionare, con elementi nuovi ed avvincenti, sulla posizione storica di alcuni frammenti di vita del genio toscano e dei rapporti artistici intercorsi coi suoi più fidati allievi e seguaci. La linea che unisce la dialettica figurativa di Leonardo a tali diretti discendenti è calcolata sulla base delle suggestioni e delle riflessioni che la cultura del tempo recepì: un genere assolutamente innovativo di proporre argomenti umanistici, scientifici e figurativi, sino a quel momento ignoti.

In questi termini si proveranno ad inquadrare nuovamente nel contesto storico gli insegnamenti di Leonardo, immaginando di rielaborare il peso del suo portato artistico sulle corde figurative europee; dai tempi del primo soggiorno milanese fino al momento della scomparsa in Francia, ad Amboise, ed anche oltre. Le memorie di una tradizione figurativa mostrano alla perfezione un apparato culturale ed una tecnica destinati ad essere ripercorsi e trattati anche nei secoli successivi.

La mostra di Torino svelerà al grande pubblico un’opera di straordinaria rilevanza: la Maddalena discinta che il decano degli studi vinciani, Carlo Pedretti, aveva già assegnato alla collaborazione tra Leonardo ed il capace allievo Giampietrino.

Non solo. Perché le tracce autografe saranno anche calcolabili attraverso la presenza di due significativi e celebri disegni: uno studio di Testa di Uomo ed un frammento di pensiero per la perduta Battaglia di Anghiari, ai tempi realizzata da Leonardo nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, a Firenze.

A parte queste tre significative opere, già note agli studi e dunque conosciute attraverso una letteratura otto/novecentesca, l’eredità artistica di Leonardo sarà completamente rivista attraverso le opere dei suoi maggiori seguaci: tra i tanti Giovan Pietro Rizzoli detto Giampietrino, Marco d’Oggiono, Cesare da Sesto, Gian Giacomo Caprotti detto Salai e Bernardino Luini.

I quadri racconteranno di un legame con Leonardo costruito sulle trame di una scolarizzazione avvenuta all’ombra di conoscenze, più o meno dirette, dei maggiori capolavori del Maestro.

La mostra è curata dal Dottor Nicola Barbatelli, esperto di studi leonardeschi, con la speciale collaborazione di molti studiosi internazionali, tra cui il Professor Jan Sammer. L’organizzazione, la cura degli spazi e la gestione dell’evento a Palazzo Cavour sono invece affidati alle cure di Next Exhibition.

La mostra sarà aperta tutti i giorni, inclusi i festivi:

– dal lunedì al venerdì dalle h 10 alle h 18

– sabato e giorni festivi dalle h 10 alle h 20

– domenica dalle h 10 alle h 18

Ultimo ingresso consentito in mostra un’ora prima dell’orario di chiusura.

Prezzi biglietti

– Intero: 12€

– Ridotto generico (valido per over 65 anni, under 12, aziende e cral convenzionati, media partners, disabili): 10€

– Ridotto gruppi (per un minimo di 25 persone): 8€

– Ridotto scuole (per un minimo di 15 alunni): 6€

– I bambini sotto i 3 anni gratuito

Importante: la mostra rientra nell’Abbonamento Musei; chi è in possesso della tessera potrà quindi entrare gratuitamente in mostra.

I biglietti sono acquistabili in prevendita presso il circuito Ticketone (on-line su www.ticketone.it e in tutti i punti vendita affiliati). Durante i giorni e gli orari di apertura della mostra sarà possibile acquistare i biglietti anche direttamente al botteghino della mostra, presso Palazzo Cavour in via Cavour n. 8 a Torino.

Info e Prenotazioni scuole:

Per ulteriori informazioni, visite guidate ed eventi speciali è possibile contattare la biglietteria di Next Exhibition al numero 011.19214730 negli orari di apertura della mostra.

Per le prenotazioni scuole è possibile contattare il numero Ticketone dedicato ai gruppi: 011/0881178.

12