fbpx
  • +39 347.0049275
  • info@ilchisolino.it

Author Archive Andrea Laruffa

STUPINIGI: “Le stelle cadenti, naturalmente, si guardano a Stupinigi.”

Anche quest’anno non poteva mancare, nella notte più magica dell’estate, l’Apericena delle Stelle a base di prodotti locali, sani e rigorosamente km 0!

Cosa troverete il 10 agosto?

Il Podere Ordine Mauriziano aperto eccezionalmente per la serata
Pane focacce e dolci della Filiera di Stupinigi con farine di grani antichi di Panacea
Latticini di filiera controllata e km 0 (Azienda agricola Bertola – mini caseificio Fratelli Spanò, None)
Verdure di stagione delle aziende agricole locali (Azienda Agricola Brunetto Candiolo)
Carni scelte, piemontesi e di allevamenti del Parco di Stupinigi (Azienda Agricola Piovano)

DOVE?
in Viale Torino 4 Stupinigi, Nichelino

A CHE ORA?
alle ore 20.00

COSTO
13€ a persona – da pagare in contanti la sera dell’evento

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA (solo chi ha effettuato la prenotazione potrà entrare nel Podere)
+39 011.4993381 info@parchireali.gov.it
dal martedì alla domenica (chiuso lunedì non festivo)

I POSTI PER L’APERICENA SONO AL MASSIMO 100…AFFRETTATEVI A PRENOTARE!

Chi vuole, a fine Apericena, potrà raggiungere l’area di Castello Parpaglia per l’Osservazione delle Stelle iscrivendosi online sul sito del Parco al link:

http://www.parchireali.gov.it/parco.stupinigi/evento.php?id=1981

COMING SOON: “Intervista a Luca Squinzani, dalla Juventus FC in Qatar all’Al Sadd Sports Club.”

Di prossima pubblicazione l’intervista rilasciata dal preparatore dei portieri Luca Squinzani al Direttore del Chisolino Andrea Laruffa. Dalle giovanili della Juventus FC in Qatar alla prima squadra dell’Al Sadd Sports Club.

Continuate a seguirci.

“Intervista al Direttore dell’Ippodromo di Vinovo Silvano Ferraris: la crisi, i posti di lavoro, il rilancio, i rapporti con il Ministero e molto altro.”

Quale è stata la sua esperienza professionale fino ad arrivare oggi ad essere Direttore dell’Ippodromo di Vinovo?

“Intorno ai 18 anni di età nel lontano ’87, penultimo anno di liceo, un mio caro parente, allora elettricista presso l’Ippodromo, mi chiese se interessato nel guadagnare qualcosa facendo l’operatore TV durante le corse. Mi presentai in una domenica di gare iniziando così la mia esperienza lavorativa dal punto più basso. Dopo alcuni anni in parallelo agli studi dell’Università sono passato a responsabile dell’impianto regia per poi saltare alla gestione dell’ufficio stampa. In seguito alla Laurea decisi però di continuare a dedicarmi interamente nel crescere professionalmente all’interno dell’Ippodromo passando a tutti gli effetti da collaboratore a vero e proprio dipendente. Il progressivo vivere questo mondo e le varie competenza acquisite in più settori mi hanno permesso di accettare infine l’incarico di Direttore dell’Ippodromo di Vinovo che in un momento di grande crisi attuale si è trasformato tutto in un impegno gravoso.”

“Quante persone lavorano attorno all’Ippodromo di Vinovo?”

Considerando il personale interno e l’intero indotto, l’Ippodromo è tutt’oggi l’azienda più grande del Comune di Vinovo. L’Hippogroup Torinese comprende 13 dipendenti full time e circa 50 interinali che ricoprono diverse attività legate esclusivamente alle sole giornate in cui si svolgono le corse. Più un paio di ditte che si occupano di manutenzioni varie, pulizie, sorveglianza e gestione del verde. A questo va aggiunto tutto il mondo delle scuderie costituito da professionisti, allenatori e guidatori di cavalli, che usufruiscono dei servizi dell’Ippodromo durante gli allenamenti e preparazione alle corse dei cavalli. Le scuderie a loro volta contribuiscono ad offrire dell’ulteriore lavoro al proprio interno. Ultimi ma non meno importanti contadini, maniscalchi, veterinari e fornitori di fieno ed altre necessità fan si che dalle 120 alle 150 persone lavori attorno a questa importante realtà.”

In questo momento di forte crisi del settore dell’Ippica, quali misure recenti sono state adottate per cercare di arginarla?

“Opporci direttamente alla crisi dell’ippica, essendo noi l’ultimo anello della filiera, resta molto difficile. In tutti questi ultimi anni è mancato uno sviluppo del settore a livello Nazionale, riducendoci ad esser solamente una periferia di tutto il sistema che in modo solitario combatte contro la sempre meno affluenza del pubblico ed il conseguente calare delle scommesse. Abbiamo così deciso di ottimizzazione sia le spese interne della struttura che gli investimenti, cercando di arginare l’emorragia di presenze durante le corse andando ad organizzare degli eventi collaterali  che possano stuzzicare l’interesse delle più diversificate persone.”

Cosa ci si aspetta dal Ministero delle Politiche Agricole che governa il mondo dell’Ippica e del cavallo?

“Ci si aspetta qualche cosa che sia completamente diversa da quello messo in atto e proposto fino ad ora. A nome dell’Ippodromo e di tutto ciò che posso rappresentarne non posso far altro che confermare il rapporto comunicativo difficilissimo. Per quanto riguarda il mondo delle corse, dei proprietari dei cavalli e delle scuderie, non è possibile ad oggi attendere l’erogazione di un montepremi da dicembre dello scorso anno con le modalità di pagamento che si attestano all’incirca su di un’attesa di 8/9 mesi, ricordando che negli anni 2013/2014 è stata addirittura di quasi 24 mesi. Ad oggi non abbiamo ancora percepito le spettanze di novembre e dicembre 2016 ne la chiusura della partita delle scommesse dell’anno 2016. Per tutto il 2017 fino alla scorsa settimana non era ancora presente neanche la bozza di contratto tra noi e Ministero, con il nostro esercizio dell’anno partito a gennaio fino ad oggi come un solo atto di fede. Non avendo idea delle sovvenzioni spettanti la programmazione ed i budgets navigano nel buio sperando che le economie fatte fino ad ora possano far si che il bilancio venga chiuso almeno in pareggio. Andare avanti così è praticamente impossibile. Proprio oggi il nostro Direttore Generale Mauro Boccardo si è recapitato a Roma per chiedere notizie.”

Che cosa rappresenta il nuovo logo?

“Siamo passati da un logo elaborato nell’anno 2001 che, sotto il nome di “HippoGroup” in associazione insieme ad altri Ippodromi Nazionali, ha cercato fino a qualche giorno fa di dare un maggior peso critico nei confronti del Ministero in questo periodo di forte crisi, ad un logo dal nome “Ippodromo Vinovo”che si riappropria in primis della visibilità che merita il Comune ed il territorio in cui nel 1961 è nata la struttura, insieme alla testa stilizzata di un cavallo simbolo dell’Ippica e non solo.”

Corse ed eventi collaterali, è il mix giusto che avvicina maggiormente le persone all’Ippodromo?

Si, è stata una scelta che la proprietà ha voluto fortemente fare quest anno in condivisione con il CDA e Direzione andando a migliorare soprattutto il modo con il quale comunicare gli eventi al pubblico. Ci siamo quindi affidati ad una vera e propria agenzia di comunicazioni e stampa passando da una precedente attività svolta internamente. Questo è stato un investimento importante ed una scelta molto ponderata che in abbinata all’organizzazione di eventi mirati ha permesso di aumentare le presenze di pubblico durante le corse, ritrovando persone giunte per rivedere l’Ippodromo dopo moltissimi anni. Visti i risultati con ottimismo proseguiremo su questa strada cercando di proporre sempre qualcosa di nuovo sia alle famiglie che ai veri appassionati di Ippica.”

Quali sono gli obiettivi futuri da raggiungere?

“Cercare di concludere al meglio la stagione 2017 (considerando come start solamente i primi giorni di aprile ed i precedenti tre mesi di completa chiusura) che continuerà fino al 29 dicembre come da calendario redatto dal Ministero principalmente attraverso corse di cavalli ed a seguire eventi. Cosa succederà nel 2018? Molto dipenderà dai rapporti con il Ministero e le risorse che ci verranno garantite insieme a quelle per il 2017 ancora non pervenute…”

E’importante collaborare con gli Istituti Scolastici per avvicinare i giovani a questo sport?

“Si. Per 4/5 anni di fila abbiamo sempre collaborato con gli Istituti della Provincia di Torino portando i bambini qui da noi attraverso il progetto “Un cavallo per amico” con un passaggio di studenti che si è aggirato tra le 700 e le  900 unità. Dopo una prima accoglienza e spiegazione delle più importanti nozioni relative alla figura del cavallo gli studenti venivano portati in visita tra le scuderie andando a provare con mano le principali attività giornaliere. Dopo tre anni di fermo l’idea è quella di ripartire con lo stesso progetto, con le Scuole del Comune di Vinovo che anticipatamente hanno confermato la propria presenza.”

I vicini di casa della Juventus Football Club sono una realtà da sfruttare o evitare?

All’inizio del loro insediamento, circa 10 anni fa, si parlava di possibili collaborazioni vista la vicinanza. Al contrario in seguito la Juventus FC per politica aziendale non ha mai interagito con la nostra realtà. Noi non siamo mai entrati nel loro centro ne tanto meno loro nel nostro. Sono degli ottimi vicini di casa ma niente di più. Le gabbie di immagine costruite attorno ai giocatori non hanno mai permesso neanche una comparsata durante un nostro evento. L’imminente apertura del nuovo centro commerciale Mondo Juve è tutta una pagina ancora da scrivere, sicuramente porterà tanta nuova visibilità per chi è di passaggio, bisognerà però poi capire quante nuove persone interagiranno con noi.”

Cosa rispondi a chi definisce l’Ippica una sport vecchio?

“Che sia un sport vecchio è vero, ma più che vecchio direi che è uno sport antico che non si è adeguato ai tempi. Rispetto a molti anni fa in cui il settore godeva di un illustre benessere ad oggi moltissime cose sono cambiate ma la passione dell’uomo che segue i cavalli è rimasta sempre la stessa. Purtroppo non posso far altro che confermare il fatto che questo sport non si sia saputo adeguare ai cambiamenti ne si è reso appetibile al mondo odierno fatto di velocità e non più attese.”

Le scommesse ippiche sono rimaste invariate da moltissimi anni. Come per gli altri sport in cui ad oggi si scommette su qualsiasi tipo di previsione oltre al risultato finale, non sarebbe corretto adeguarsi?

Sono d’accordo, anche se da una parte si snaturerebbe questo mondo fatto di tradizione e di riti, ma proprio questa scuola di pensiero ci ha portato a non adeguarci con i tempi. Le scommesse di oggi sono le stesso di più di 30 anni fa. Lo Stato dando il via libera alle scommesse di ogni tipo ha messo in un angolo quelle ippiche. Del monte scommesse annuale ad oggi l’ippica rappresenta meno dell’1% su più di 90 miliardi giocati, con questi dati non è difficile dire che ci sono passati sopra tutti. Una volta si entrava a scommettere all’interno di una vera e propria agenzia Ippica, ora con l’apertura a tutte le scommesse sportive il nostro mondo è stato messo in un angolo, e quest angolo reso ancor più piccolo dopo l’inserimento delle slot machine e video lottery.”

Lo spazio televisivo Nazionale dedicato all’Ippica è ristretto?

Questo è un altro dei problemi. Nonostante il mondo dell’Ippica abbia i propri canali televisivi tematici dedicati alle scommesse, l’Ippica negli ultimi anni non è più passata nei mezzi di comunicazione generalisti, che oltre alla televisione racchiude anche giornali sportivi e riviste. Per citarne uno di esempio, “la Gazzetta dello Sport” dedica un trafiletto sulle ultime pagine nascosto in mezzo agli altri “sport ritenuti minori” del quotidiano. E’ una grossa problematica, perché uno sport senza visibilità mediatica è destinato ad esser un’attività di nicchia. Una soluzione per poter uscire fuori dalla crisi potrebbe essere proprio il dare visibilità al mondo dei cavalli ed all’animale in se.”

Dalla Tesi di Laurea pubblicata in rete “La crisi dell’Ippica italiana ed il rilancio del settore” di Beatrice Baldi, anno accademico 2012-2013 dell’Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Economia, una sezione riguardante i punti deboli e di forza dell’ippica.  Le chiederei un parere a riguardo su di ogni uno di essi:

“Anche la mia Tesi di Laurea è stata elaborata relativamente a questo mondo e legata al peso delle trasmissioni delle immagini televisive, quindi molto volentieri commenterò ogni punto.”

Punti deboli:

 – L’Ippica ruota intorno al cavallo, che ne è “personaggio” e non crea “gossip”: non nel senso comunemente inteso di “fare notizia”, se non dal punto di vista del risultato sportivo (al quale viene però riservato uno spazio limitatissimo).

“Il cavallo potrebbe diventare un personaggio, ne abbiamo avuti, il cavallo per antonomasia è Varenne, che è stato utilizzato anche come testimonial nei suoi anni di splendore, ed ha ancora ad oggi un suo appeal ed un suo seguito. E’ vero non si crea del “gossip”, ma perché non siamo stati in grado di creare dei personaggi neanche attorno alla figura del fantino o del guidatore pur avendo in casa nostra sportivi elogiati in tutto il resto del mondo.”

– Gli ippici non hanno saputo e voluto comunicare il loro sport, e l’Ippica non ha investito nella propria immagine e nella comunicazione. 

“Assolutamente vero. Sono ormai un lontano ricordo il Totip, le Corse Tris o quando alla finale di San Remo veniva messo in palio un cavallo. Questa era vera e propria comunicazione. Ora di tutto ciò non esiste più nulla. E gli ippici non avendo creato nessun tipo di personaggio che ruoti attorno a questo mondo non hanno contributo ad ampliarne l’immagine.”

– Il mondo dell’informazione, e conseguentemente il pubblico, non sa nulla di Ippica.

“Concordo. Tutti i messaggi che sono passati negli ultimi anni a livello generalista sono stati tutti negativi per perdita di posti di lavoro, chiusura di Ippodromi, crisi del settore, rapporti sbagliati con il Ministero e molto altro ancora.”

– Il pubblico non sa cosa sia l’Ippica in termini sportivi, non ne conosce le componenti, la confonde col gioco d’azzardo.

“Questo è il peso che ci portiamo dietro da anni di comunicazione sbagliata, gli Ippodromi e le corse di cavalli sono abbinate al gioco d’azzardo, al doping ed alle corse truccate. Non è più così, il sistema è costituito da sole persone che hanno la passione di lavorare per il bene di questo sport.”

Punti di forza:

– La corsa dei cavalli è sport televisivo per antonomasia. L’Ippica è sport “verde” che nasce in luoghi di grande fascino (gli allevamenti) e che si esercita in luoghi che rimangono dei “giardini” delle città (gli ippodromi).

“Non ritengo la corsa dei cavalli lo sport televisivo per antonomasia in quanto per renderlo tale ci andrebbero tantissimi investimenti. Mentre la figura del cavallo, gli allevamenti e gli Ippodromi rendono effettivamente “verde” questo sport. Non per questo un qualsiasi bambino che accarezzi una criniera di un cavallo o che giri all’interno di scuderie ed Ippodromi ne rimarrà sempre estasiato. Gli allevamenti li ritengo dei veri e propri paradisi immersi nella natura.”

– L’Ippica è agonisticamente spettacolare.

“Si, è così. Qui si vedono dei cavalli che corrono con tutta la loro potenza, come è possibile percepire anche l’adrenalina dopo la vincita di una corsa. Sicuramente è agonisticamente spettacolare.”

– L’Ippica è adatta alla fruizione di tutti.

Si perché a partire da un bambino che capiti per la prima volta di fronte ad una corsa di cavalli non può far altro che fermarsi e guardarla. Ma sicuramente molto è ancora da fare per rendere il tutto più accattivante.”

– L’Ippica è legata a forme di scommesse profondamente diverse da quelle del normale “azzardo”: perchè richiedono impegno e studio, perché possono essere di piccola entità, perché sono destinate a sostenere un mondo fatto di animali, allevamenti, professionalità e lavoro. Ed anche sotto questo aspetto l’Ippica e “comunicabile”.

Questo è il punto sul quale sono più favorevole. Le scommesse ippiche più che delle scommesse sono delle vere e proprie sfide tra chi gioca e quello che succede in pista. L’Ippica è comunicabile sotto molti aspetti in quanto alle spalle di questo mondo c’è anche la preparazione del cavallo, il tipo di allenamento, l’alimentazione, il tipo di allenatore la persona che lo guida in corsa e molto altro ancora.”

Quale è la domanda che non ti è mai stata fatta e che secondo te possa dare un po più di “eco” a questo difficile momento che l’Ippica sta attraversando?

“Perchè sei seduto su questa scrivania e non ti sei dedicato ad altro nella vita? Una lunga serie di eventi che si sono susseguiti in tutti questi anni mi hanno portato a ricoprire la figura che ricopro oggi, cosa che non avrei pensato mai di fare appena iniziata la carriera. Ho fatto delle scelte durante tutto questo percorso ed in questo momento non posso far altro che esserne contento e dire che rifarei tutto allo stesso modo pur sapendo di andare incontro a periodi difficili. Da qui in avanti ci sarà da giocarsi una partita importantissima per cercare di dare una continuità di esercizio a questa realtà garantendo tutti i posti di lavoro alle persone ne lavorano al suo interno. Non sarà facile ma c’è la metteremo tutta.”

Conclusioni:

“So di avere un certo tipo di responsabilità, ma io qui non sono da solo. Rappresento da una parte tutti i miei colleghi che hanno altrettanto dei lavori altrettanto specifici, particolari ed importnati e dall’altra molte altre persone che ” sono” la Società Torinese Corse Cavalli. Come il nostro Guido Melzi d’Eril Presidente ed Amministratore Delegato nonché proprietario dell’Ippodromo di Vinovo dalla fine degli anni ’70, persona che ha messo la passione per i cavalli e l’Ippica prima di ogni altra cosa, e come il Ragioniere Mauro Boccardo che continua a portare avanti conti, rapporti, persone e storia di questo posto.”

di Andrea Laruffa

 

 

 

VINOVO: “Corse al trotto e finali di Miss Italia all’Ippodromo.”

 

 

Mercoledì 2 agosto dalle ore 20.00 in avanti un immancabile appuntamento serale all’Ippodromo di Vinovo con le corse al trotto e le finali regionali di Miss Italia. Le più belle ragazze del Piemonte e Valle D’Aosta in concorso per Miss Italia affrontano la selezione finale per conquistare il titolo che le porterà alla 78° edizione del concorso nazionale il prossimo 10 settembre.

VINOVO: “Concorso Ippico Internazionale 2017 della Madonnina”

Nello storico Centro Ippico La Madonnina di Vinovo dal 27 al 30 luglio si svolgerà il Concorso Ippico Internazionale dedicato ai Giovani ed agli Ambassador.

PIOBESI: “Festa Patronale Santa Maura”

Dal 4 al 8 agosto feste, concerti, balli, sport ed ottima cucina animeranno il paese grazie all’organizzazione del Pro Loco ed il Comune di Piobesi nella consueta festa Patronale Santa Maura.

 

 

VINOVO: “Festa Patronale San Bartolomeo”

Dal 26 al 29 agosto feste, concerti, balli ed ottima cucina animeranno il paese grazie all’organizzazione del Pro Loco ed il Comune di Vinovo nella consueta festa Patronale San Bartolomeo.

VINOVO: “Elia e Lady Violin in concerto al Perla Sushi Bistrot.”

Mercoledì 26 luglio dalle ore 20,30 alle ore 23 Elia e Lady Violin in cocerto al Perla Sushi Bistrot. Un evento speciale con musica e Cocktail di benvenuto per la serata

PIOBESI: “90am, Stay Easy ed i Neurotrasmettitori in concerto al Portico 26.”

Sabato 29 luglio alle ore 20.45 in concerto al Portico 26 di Piobesi T.se di Via Galimberti 26, “90am”, “Stay Easy” ed “i Neurotrasmettitori, 3 band che si esibiranno in una serata interamente acustica.

PIOBESI: “Garange’s Band e New Age Band in concerto al Portico 26.”

Venerdì 28 luglio alle ore 21.00 in concerto al Portico 26 di Piobesi T.se di Via Galimberti 26, “Garange’s Band” e “New Age Band”, serata revival.

VINOVO: “Corse al trotto e 3’ND in concerto all’Ippodromo.”

Mercoledì 26 luglio dalle ore 20.00 in avanti un immancabile appuntamento serale all’Ippodromo di Vinovo con le sette corse al trotto e musica live con il trio 3’ND.

“25 anni fa la strage di via D’Amelio.”

“Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene.”

Cit. Paolo Borsellino

Il 19 luglio di 25 anni fà, veniva ucciso a Palermo in via D’Amelio il magistrato Paolo Borsellino. Oggi, 20 luglio 2017 è stato inaugurato il murales in memoria dei due magistrati Falcone e Borsellino, realizzato grazie all’Associazione Nazionale Magistrati sulla parete dell’Istituto Tecnico Statale Trasporti e Logistica “Nautico Gioeni Trabia” del Comune di Palermo. Il murales è stato realizzato dagli street – artisti siciliani Rosk & Loste.

VINOVO: “Rey, dal Castello al rifugio la storia si racconta.”

In Valle di Susa, nel cuore delle Alpi Cozie, a 1761 metri d’altezza, sorge il rifugio dedicato a Guido Rey (Torino, 20 novembre 1861 – Torino, 24 giugno 1935), alpinista, scrittore e fotografo pittorialista. Questa importante e poliedrica figura si legò al castello di Vinovo non solo perché il maniero fu di proprietà della stessa famiglia, ma anche perché Guido vi ambientò alcuni scatti fotografici immortalando, nel 1906, un’amica di famiglia, Lydia Tapparone Canefri. Nei suoi scatti egli ricreava quadri famosi con effetti di tableaux vivants ; così il chiostro rinascimentale divenne il set di posa per ricreare gli ambienti ed i soggetti del famoso pittore olandese  Jan Vermeer. Questa storia e l’incontro con Guido Bonino, gestore del rifugio, hanno spinto e motivato le guide culturali volontarie del Comune di Vinovo ad organizzare un nuovo evento.

Sabato 2 settembre la cena presso il rifugio Rey sarà animata dalla rievocazione storica dei personaggi che hanno segnato la storia del maniero vinovese. Costumi, racconti, leggende ed immagini allieteranno i commensali. Un vero salto nel tempo che renderà possibile l’incontro tra diverse epoche del castello Rey al rifugio Rey rendendo la cena un’esperienza che si fonderà tra sapori, emozioni attorniati dalla calda atmosfera di un bellissimo rifugio di montagna.

PIOBESI: “Marine Band in concerto al Portico 26.”

Sabato 22 luglio alle ore 21.30 in concerto al Portico 26 di Piobesi T.se di Via Galimberti 26, “Marine Band”, concerto Acustic Blues.

PIOBESI: “I Tacabanda in concerto al Portico 26.”

Venerdì 21 luglio alle ore 21.30 in concerto al Portico 26 di Piobesi T.se di Via Galimberti 26, “i Tacabanda”, tributo a Ligabue in acustico.

La Loggia: “Corsi di fotografia con Nicola Ricciardi.”

Sono aperte le iscrizioni ai corsi di fotografia in partenza a settembre 2017 con il professionista Nicola Ricciardi. Possibilità di scelta tra corsi base, avanzato, photoshop e camera raw suddivisi in cinque lezioni dalle ore 21.00 in avanti con i corsi base ed avanzato che prevedono anche un’uscita ed una mostra.

Posti limitati e costo a partire da 149€.

Per informazioni ed iscrizioni: Nicola Ricciardi Photografer – Via Bistolfi 12 – La Loggia (TO) – Cell. 393.8250224

https://www.facebook.com/NicolaRicciardiPhotographer

COMING SOON: “Intervista al Direttore dell’Ippodromo Silvano Ferraris”

Di prossima pubblicazione l’intervista rilasciata dal Direttore dell’Ippodromo di Vinovo Silvano Ferraris al Direttore del Chisolino Andrea Laruffa. Una nuova sfida, uno nuovo progetto, il rilancio della struttura, la crisi del settore e tanto altro ancora.

Continuate a seguirci.

 

VINOVO: “Letture animate in Biblioteca: Inside Out.”

Martedì 18 Luglio 2017 dalle ore 16.30 alle ore 18.00 presso la Biblioteca Civica di Vinovo di Via San Bartolomeo 40, lettura animata di “Inside Out”.

Ingresso libero.

PIOBESI: “Ciposugar band in concerto al Portico 26.”

Sabato 15 luglio alle ore 21.30 in concerto al Portico 26 di Piobesi T.se di Via Galimberti 26, “Ciposugar band”, tributo a Zucchero.

VINOVO: “Corse al trotto e Country Dance all’Ippodromo.”

Mercoledì 19 luglio dalle ore 20.00 in avanti un immancabile appuntamento serale all’Ippodromo di Vinovo con corse al trotto ed esibizioni del corpo di ballo Country Old Wild West in atmosfere western.

 

Condividi