• 3470049275
  • info@ilchisolino.it

Category ArchiveSport

CANDIOLO: “Button Run 2018 2° edizione”

Domenica 4 febbraio tutti in maschera camminata libera non competitiva di 5 Km per le vie del paese e corsa libera non competitiva di 10 Km. Ritrovo ore 10.00 in via Orbassano angolo via D’Antona, partenza ore 10.30.

Iscrizione:

  • 5€ bambini
  • 7€ adulti
  • 1€ amici a 4 zampe

Il ricavato sarà devoluto ad UGI “Unione genitori contro tumori dei bambini”

NONE: “Avvio di stagione per la Podistica None”

La Podistica None scalda i motori per la stagione 2018 partecipando alla gara Cross del Castello del Malgrà a Rivarolo Canavese, prima prova del circuito campestre regionale Uisp. Anche se con soli 14 partecipanti la Podistica None si aggiudica una prestigiosa ottava piazza nella classifica società in considerazione degli oltre 600 partecipanti presenti. Prossimo appuntamento domenica 14 gennaio al parco Colonnetti di Torino per la prima prova provinciale Fidal.

CANDIOLO: “Chisola Volley 2° classificata al Be Fun Volley”

L´under 16 del Chisola Volley guidata da coach Fracchia torna a Candiolo con un buon 2° posto dal torneo Be Fun Volley organizzato dalla società Pgs Foglizzese. Nella prima giornata di gare il Chisola cede alle forti individualità del Finale Ligure per poi vincere contro il Pgs Foglizzese. In finale i chisolini perdono nuovamente contro i liguri, oltre al premio di squadra i chisolini ricevono i premi individuali come miglior libero per Edoardo Charrier e miglior palleggio per Francesco Zanella.

VINOVO: “Campionato Nazionale Ciclocross”

Domenica 14 gennaio passa da Vinovo il campionato Nazionale Ciclocross. Ritrovo ore 12.00 in piazza Marconi presso il bar Centro, prima partenza ore 13.30 categorie Gentleman, Super G, Master, Super M e Donne, seconda partenza ore 14.45 categorie Cadetti, Junior, Senior e Veterani A-B.

CANDIOLO: “Horse House e Carlotta Marengo campionesse regionali”

Ai campionati regionali indoor di Tortona si laurea campionessa piemontese 2017 nella categoria brevetti esordienti l’istruttrice dell’Horse House Carlotta Marengo vittoriosa in finale con il suo giovane cavallo Strong Tide.

Ottimi i piazzamenti nella categoria primi gradi per Mario Barrovecchio quinto su Saturnus ed Alberto Barrovecchio ottavo con Beauty.

Da segnalare le splendide prestazioni di Sata Argondizza e Giancarlo Bussone nella categoria brevetti esperti.

VINOVO: “Tutto il Team Mulè di Taekwondo passa di cintura”

Presso il palazzetto dello sport Libertas di Vinovo si sono svolti gli esami per il nuovo passaggio di cintura del gruppo del Piemonte della I.T.F. Taekwondo Italia “Choi Jung Hwa Organization” – Ino144. Tutti e 45 gli atleti partecipanti del Team Mulè, con età tra i 4 ed i 43 anni, hanno superato la prova con grande determinazione ed alto tasso tecnico messo in mostra di fronte ad un folto pubblico che ha gremito il palazzetto per più di 3 ore e mezza. Direzione tecnica affidata ad Alberto Flaim (Ex maestro della nazionale italiana) che ha visionato ogni singolo atleta portando al kup successivo. Presente all’evento anche il primo cittadino nella persona del Sig. Gianfranco Guerrini, firmatario del patrocinio di Vinovo riconosciuto alla manifestazione. Non sono mancate le sorprese per grandi e piccoli, ad ognuno di loro è stata regalata una t-shirt del comitato regionale Libertas, e sul finale esibizione del rapper Blood Red che ha cantato l’inno del team Mulè. “Il nuovo anno porterà nuove ed emozionanti novità per tutto il team Mulè e non solo” conclude Alfredo Mulè Direttore del Team al quale piace ricordare che nel lontano 22 marzo 1966 venne fondata da parte del generale Choi Hong Hi la International Taekwondo Federation (ITF), privata ed indipendente. Il 28 maggio 1973, a seguito di insanabili contrasti tra il generale Choi Hong Hi ed il suo vice Kim Un-yong, venne fondata in Corea del Sud la World Taekwondo Federation (WTF).

CANDIOLO: “Una tavolata di premi per l’Horse House”

Ottimi risultati per l’Horse House al concorso ippico di None. Vince per la settima volta consecutiva il favoloso Saturnus montato da Mario Barrovecchio nella categoria 120. Sara Argondizza segna il terzo posto nella categoria 110 seguita da Giancarlo Bussone quarto.

Prime ad ex aequo nella categoria b80 Carlotta Marengo e Giulia Maione.

CANDIOLO: “Chisola Volley festeggia il suo Natale”

Domenica 17 dicembre presso il ristorante pizzeria “El Gaucho” di None il Chisola Volley insieme a tutti i suoi atleti, tecnici, staff, dirigenti e famiglie festeggerà il Natale e la fine dell’anno con una pizzata “No Stop”. Un momento ricco di auguri e condivisione.

VINOVO: “Vinovo Run Christmas”

Domenica 17 dicembre si svolgerà la corsa dei “Babbi Natale” con ritrovo in piazza Rey alle ore 9.30 e partenza alle 10.30. Anche quest anno visti i successi delle scorse edizioni la Vinovo Run Christmas si svolgerà come corsa e camminata non competitiva per le suggestive vie di Vinovo.

L’iscrizione alla corsa avrà un costo di 5.00€ ed in omaggio lo zaino Vinovo Run Christmas.

Iscrizioni presso il Rey Cafè Vinovo di piazza Rey n° 29 – Tel. 011.5509292

Per informazioni rivolgersi all’Ufficio Sport Comune di Vinovo – Tel. 011.9620413

NONE: “Un rientro con premi anche dal capoluogo torinese”

Domenica 19 novembre ultima gara sociale al parco del Valentino di Torino, al via circa 2000 podisti tra la 10 km e mezza maratona. La Podistica None, come ormai di consueto, sale sul secondo gradino del podio come società a punteggio. Salgono invece su quello più alto Marisa Cammalleri nella F45, Mauro Raineri nella M45, Angelo Pepe nella M60, Vincenzo Primerano nella M70, mentre secondi classificati Susy Santoro nella F40 e Massimo Castaldi nella M55, infine terzo posto per Manuela Buscema nella F40, Franca Tonietti nella F70, Giuseppe Mantegna nella F60 e Aniello Coppola nella M70. A breve l’inizio della stagione 2018 con il via previso al 7 gennaio con il cross a Rivarolo Canadese.

 

“Il Chisolino ospite della Fiat Torino Auxilium.”

Domenica 19 novembre il Chisolino ed il suo staff sarà ospite al Palaruffini per seguire la gara della Fiat Torino Auxilium contro Red October Cantù. Sarà un’occasione per raccontare dal vivo le magie del basket torinese tornato a far parlare di se sia a livello nazionale che internazionale.

NONE: “Anche Volvera nel segno della Podistica None”

A Volvera nella corsa valida per il campionato regionale Uisp, la Podistica None si è piazzata al secondo posto come società per numero atleti partecipanti ma sul gradino più alto del podio nella classifica a punteggio. Sono saliti sul gradino più alto del podio Marisa Cammalleri nella MF46, Francesco Romeo nella MM50, Angelo Pepe nella MM60, Angelo Giammanco nella MM65, sul secondo gradino Mauro Raineri nella MM45, Massimo Castaldi nella MM55 e Vincenzo Primerano nella MM70, mentre il terzo posto è stato conquistato da Franca Tonietti nella MF70, Savino Giannone nella MM45 e Aniella Coppola nella MM75.
 Classifiche generali e fotogalley complete sul sito www.podisticanone.org

CANDIOLO: “Horse House sempre vittoriosa.”

Ancora vittorie al Nazionale B di None per i portacolori dell’Horse House, questa volta tocca a Sara Argondizza che vincendo nella categoria 110 insieme alla sua velocissima Ultima de Sohan sale sul gradino più alto del podio. Primo posto ad ex aequo per Giulia Maione ed il suo pony Gan Bridge.

 

CANDIOLO: “Barrovecchio e l’Horse House di nuovo in cima.”

Altra importante vittoria per Alberto Barrovecchio a Caravino che con la giovane e molto promettente Saffo Baia vince la 135.

“Intervista ad Andrea Bissacco, la passione del beach volley trasformata in una scuola di livello Nazionale.”

Descrivimi brevemente la tua carriera sportiva:
Ho iniziato a giocare a pallavolo all’età di 9 anni, ho militato in diverse squadre nella provincia di Torino tra serie D e serie C giocando in diversi ruoli. A questo sport ho sempre cercato di praticare contemporaneamente anche il beach volley. Dopo 20 anni di onorata carriera nel 2010 ho appesa le scarpe al chiodo per indossare solo più infradito.
Come è nata la passione per il beach volley?
Ho messo i piedi sulla sabbia dentro un campo da beach volley all’età di 14 anni ed è stato subito amore.
Cosa è stato fatto di importante dall’apertura della scuola di beach volley ad oggi?
Abbiamo fondato il Beach Volley Torino ed iniziato questa avventura nel 2008/2009 girando per diversi centri sportivi in tutto il Piemonte. Grazie al CUS Torino nel 2012 abbiamo trovato CASA e dato una spinta al movimento provinciale e regionale facendo appassionare in poco tempo centinaia di persone. Sono stati organizzati moltissimi tornei, allenato centinaia di atleti,  formato decine di allenatori e creato team agonistici maschili e femminili presi d’esempio in tutto il territorio Nazionale. Molto importante è stato anche il supporto dato agli atleti ed atlete piemontesi nel partecipare e vincere medaglie in moltissime tappe del campionato italiano assoluto. Ma la cosa più bella è stata sicuramente la possibilità di poter far praticare il beach volley per 12 mesi all’anno…e credendoci ci siamo riusciti senza avere ne spiagge ne mare.
Obiettivi futuri per la tua scuola di Beach Volley:
Diffondere il movimento tra i giovani e cercare di rimanere ai vertici del movimento Nazionale, cercando anche di salire sul podio del campionato italiano sua in ambito femminile che maschile.
Quali sono le più grandi difficoltà che circondano il sostenimento di questa scuola?
Le risorse economiche in teoria  sono sempre il problema principale, trovare sponsor che aiutino questo sport è sempre difficoltoso. Ma credo  che il problema più grande sia trovare persone preparate ed appassionate che abbiano voglia e piacere di lavorare per questo sport.
Cosa ti ha tolto e cosa ti ha dato il beach volley?
Mi ha dato tante soddisfazioni ed insegnato tante cose, allo stesso tempo mi ha tolto un po’ di tempo per stare con con gli amici.
Quale è stata la tua più grande soddisfazione e la tua più grande delusione in ambito sportivo?
Soddisfazioni tante, a partire dalle molte vittorie come atleta nei tornei regionali ed amatoriali fino ad arrivare alle vittorie come allenatore al campionato italiano. Sicuramente la prima vittoria della coppia Dalmazzo – Fasano al campionato italiano invernale di Mussolente mi mette ancora i brividi. Sembra scontato ma vedere centinaia di persone iscritte ai nostri corsi e tornei è la più bella soddisfazione dopo anni di duro lavoro e sacrifici. Alle delusioni cerco di non pensarci, ma purtroppo ne avute tante dalle persone che fanno parte di questo mondo.
Questo sport sta ricevendo sempre più interesse da parte soprattutto dei giovani. Cosa bisogna fare per mantenere viva quest’onda e non perdere tutto quello che è stato fatto fino ad ora?
Sicuramente bisogna lavorare con “Passione” e cercare di trasmetterla in modo sano agli altri. Inoltre l’aiuto della Fipav sia Regionale che Nazionale è fondamentale per aiutare la crescita del movimento giovanile e delle società di Beach Volley
Perché il Beach Volley è stato riconosciuto come disciplina Olimpica da pochissimo tempo quando in realtà questo sport esiste da moltissimi anni?
Ci si è accorti che è lo sport più bello del Mondo troppo tardi. Purtroppo credo sia dovuto solamente ai numeri ed ai soldi che girano attorno al movimento. Oltre ad America e Brasile, dove il Beach Volley esiste strutturato ed organizzato da decenni, negli ultimi anni nelle Nazioni Europee il movimento si è evoluto e di conseguenza più persone praticano questo sport più si evidenzia attenzione mediatica.
Tua moglie Monica che hai sposato da poco ti da una grandissima mano all’interno della scuola. E anche grazie a questo che sei riuscito ad arrivare così lontano?
Senza di lei probabilmente non ci sarebbe il Beach Volley Cus Torino e quello di oggi non sarebbe sicuramente lo stesso. Il supporto, non solo lavorativo, che in tutti questi anni mi ha dato per poter continuare a portare avanti questo sogno con le problematiche e i sacrifici connessi è ineguagliabile.
 Vorresti ringraziare qualcuno?
Tante persone, in primis Davide Belluz, il Direttore Andrea Ippolito ed il Presidente Riccardo D’Elicio che hanno creduto in me e nel mio progetto per aprire la sezione Beach Volley al Cus Torino, e continuano tutt’ora a darmi fiducia. Ma il grazie più grande va a tutto lo staff di allenatori ed organizzatori, grazie al loro lavoro ed alla loro passione hanno permesso e permettono tutt’oggi di fare Beach Volley 12 mesi all’anno.

CANDIOLO: “Altro weekend di premi per la Horse House.”

Un altro fine settimana da incorniciare per la Horse House di Candiolo che in trasferta all’Horse Bridge di None vince la 120 e la 130 con Saturnus montato da Mario Barrovecchio. Secondo gradino del podio nella 130 per Alberto Barrovecchio e la sua Saffo Baia.

Sara Argondizza si aggiudica la 110 e quarto classificato Giancarlo Bussone nella 115. Nella categoria 70 e 90 primi a pari merito Giulia Maione e Monica Villois, inoltre da segnalare l’ottimo debutto di Carlotta Marengo ed il suo giovane cavallo Strong Tide.

 

NONE: “Grandi numeri a Venaria per la Podistica None”

Anche nella gara Interforze, che si è svolta domenica 22 ottobre all’interno dello splendido pardo della Mandria della Venaria Reale, la Podistica None torna a casa con molti e valorosi premi. Uno su tutti quella della classifica a punteggio con la Podistica None che sale sopra tutti. Pregiatissimo primo posto per Vincenzo Primerano nel SM70, seconda piazza per Miriam De Santi nel SF45, Franca Tonietti nel SF70 e Francesco Romeo nel SM50, sul terzo gradino del podio salgono Loreto Di Rienzo nel SM35 e Mauro Raineri nel SM45,  quest ultimo primo nel tagliare il traguardo per i colori  della Podistica None piazzandosi al 16 posto assoluto.

Info e foto della manifestazione su www.podisticanone.org

NONE: “Ad Orbassano altro bottino ricco di premi per la Podistica None”

Domenica 15 ottobre 39 atleti della Podistica None hanno partecipato al trofeo Sedano Rosso di Orbassano, gara valida per la Coppa Uisp Regionale, manifestazione organizzata in modo impeccabile dalla società TO021.
Ottimi i risultati di Angelo Pepe primo nei MM60, Massimo Castaldi e Marisa Cammalleri secondi rispettivamente nella MM55 e MF45, terzi posti per Mauro Raineri nella MM45, Francesco Romeo nella MM50, Salvatore Giammarco nella MM65, Vincenzo Primerano della MM70 e Franca Tonietti nella MF70. Altra nota di merito per la Società che ottiene il secondo posto sia nella classifica a punteggio che in quella di numeri partecipanti.

 

CANDIOLO: “Alberto Barovecchio e l’Italia 3° classificati nella coppa delle Nazioni.”

Terzo posto per l’Italia nella coppa delle Nazioni trofeo Ambassador di Barcellona. Un meraviglioso doppio netto per Alberto Barrovecchio e la sua mitica Beauty portano in alto il nome dell’Horse House di Candiolo.

 

 

CANDIOLO: “Il Candiolo Calcio lancia il terzo tempo.”

Il terzo tempo è il tradizionale incontro post gara tra i giocatori delle due squadre, un momento di socializzazione tra i giocatori, cui spesso partecipano anche gli atleti dei settori giovanili, famiglie e tifosi. Il Candiolo Calcio ha così deciso di proporlo ad ogni gara casalinga della propria Prima Squadra all’interno dell’area bar del Candiolo Village.

“Iniziamo questo progetto esclusivo e sperimentale di terzo tempo, che coinvolgerà tutti gli atleti della Società, dai più piccini fino alla Prima Squadra. Molte volte si sentono cronache di una calcio che non esiste, per questo motivo da qui in avanti inizierà a campeggiar il motto “In campo AVVERSARI…fuori COMPAGNI DI MERENDE. Ringrazio inoltre il bar del Candiolo Village che con grande entusiasmo sta aiutando e sostenendo l’organizzazione di questa iniziativa.” il Direttore Sportivo Luca Grandi.

“Visti i risultati degli ultimi 4 anni in Coppa Disciplina abbiamo deciso di dare una svolta definitiva ed iniziare a fare sport sul serio. In questo momento il Candiolo Calcio non è solamente la Prima Squadra ma anche la Scuola Calcio, Settore Giovanile e tutte le attività collaterale che vi girano intorno. Lo sport è uno degli elementi fondamentali della vita, fa crescere in forma e sani i nostri figli insegnando loro dei veri e propri valori, impegnando il tempo e lasciandoli lontani dalla strada. La nostra Prima Squadra dovrà esser il traguardo ambito dagli atleti più giovani con l’obiettivo di dare loro un percorso fatto nel rispetto delle regole, passione e bel calcio.” conclude il Presidente Andrea Loddo.

 

Condividi